Vita da papà: ecco Federico, il papà blogger più irriverente della rete

Per la nostra rubrica Ciao Mamme Blogger questa volta intervistiamo… un papà!

Partiamo dall’inizio: come è nata l’idea di aprire un blog?
L’idea è nata dopo aver letto “Ma Che Davvero?” di Chiara Cecilia Santamaria. Eravamo al sesto mese della prima gravidanza, arrivata un po’ in anticipo sui tempi previsti. Non mi sentivo pronto a diventare papà ed ero a disagio con i colleghi al lavoro che sapevano tutto di pannolini, ovetti, pappe, sterilizzatori & co. Per me quello era un mondo totalmente nuovo e mi sentivo un pesce fuor d’acqua. Così ho iniziato a scrivere sul blog tutto quello che mi passava per la testa in quel particolare periodo della mia vita.

Dove e a chi vuoi arrivare scrivendo sul tuo blog?
BTDM14S1Bè, vincere un premio Pulitzer e arrivare a Papa Francesco non sarebbe male 🙂 Come vedi ho piccole e modeste ambizioni. Da piccolo, quando mi chiedevano il classico “Ma tu cosa vuoi fare da grande?”, rispondevo che mi sarebbe piaciuto diventare Papa. Quando ho capito che la cosa non era troppo realizzabile mi sono dedicato ad altro. Però sono diventato papà, che per certi versi è un po’ come essere Papa. Tra l’altro l’indirizzo del mio blog è proprio vitadapapa.it. Insomma, se Papa Francesco leggesse il mio blog e magari lasciasse un commento o mi ritwittasse ne sarei davvero felice. Mi aiutate voi? 😉

Quanto tempo dedichi al tuo blog durante la settimana?
Dipende da quanto tempo ho per cazzeggiare. Diciamo che gli dedico abbastanza tempo, sia per scrivere che per rispondere ai commenti. Però a casa non scrivo mai e neanche quando sono con Giacomo. Al massimo scatto una foto e la metto su Instagram o scrivo un tweet.

Hai mai pensato di mollare? Se sì, perché?
Vita da Papà è nato come un mio luogo di sfogo durante la gravidanza. Ero nella mia fase regressiva, in cui non sapevo cosa mi aspettava e appena sentivo parlare di figli (soprattutto in modo melenso e idilliaco) facevo finta di non sentire o cambiavo argomento. Quando il gnappo è nato per fortuna quella fase è stata superata, così avrei potuto anche smettere di scrivere, perché non era più un’esigenza. Ma grazie agli “amici di blog” e a tanti altri che mi hanno incoraggiato, ho continuato a raccontare la mia vita da papà blogger.

Hai inserito inserzioni o post sponsorizzati?
Sulla pubblicità ho sentimenti ambivalenti. Da un lato non è molto “cool”, dall’altro le sponsorizzazioni non devono per forza essere tutte “marchette” e puoi parlare di un prodotto che hai provato se questo ti è piaciuto. Quindi non sono contrario a priori, dipende. Finora non ho messo sponsor “istituzionali”, ma mi sono limitato a pochissimi backlink e a tre o quattro banner di adsense in tutto, inseriti in singoli post. Se qualche inserzionista fosse interessato al blog di un papà (che adesso un po’ si intende di kit vari per neonati e bambini dopo l’esperienza sul campo) si faccia pure avanti, la famiglia si sta allargando con l’arrivo di un altro gnappo. 😉

Cosa ne pensa la tua famiglia del tuo blog?
La mia famiglia e i miei amici non sanno del mio blog. Sembra assurdo, ma Vita da Papà è per me uno spazio personalissimo. Quando ho iniziato volevo che rimanesse un diario segreto (anche se paradossalmente sulla piazza pubblica del web), dove scrivere senza filtri, dando pieno sfogo al mio flusso di coscienza. Non avrei infatti piena libertà di scrittura se amici, colleghi, parenti e conoscenti mi leggessero. Il lato positivo è che non li ammorbo parlando solo del mio blog (e, conoscendomi, so che potrei diventare abbastanza monotematico). Forse prima o poi lo dirò a mia moglie, ma ancora non è venuto il momento.

Qual è il post più letto in assoluto?
Quello su Maria Elena Boschi e Matteo Renzi. E’ un post nato da una discussione con Anna dopo aver letto alcune insinuazioni sul fatto che loro fossero amanti o meno. Il post in sé, in realtà, è incentrato sulla nostra discussione familiare, e, in generale, su gelosie, tradimenti & co, ma da lì il gossip è partito inarrestabile con una marea di condivisioni. Il secondo più letto è quello sui messaggi subliminali di Peppa Pig, un post di cazzeggio puro che è diventato un vero tormentone, anche dopo l’abbaglio di alcuni siti che l’hanno preso per vero. Infine popolari sono i post sulle varie bellezze della tv dei programmi per bambini e famiglie, come Fata Ariele a Carolina di Rai YoYo e Tata Francesca Valla. La gnocca fa sempre audience. Siamo papà, non siamo dei santi 🙂

Qual è il post che vorresti fosse il più letto?
Bella domanda. Non è facile rispondere. Ci sono post più sentiti, altri meno. Forse mi piacerebbe che fossero più letti quelli in cui parlo delle crisi dovuti all’astinenza e al cambio della vita sessuale della coppia dopo l’arrivo di un figlio. Ne ho scritti due di recente, molto personali. Uno su un litigio e uno sulla crisi che può attraversare una mamma dopo un figlio. Più interessanti dei post in sé sono i commenti e i racconti di chi mi ha scritto. Di questi argomenti bisognerebbe parlare di più e cercare aiuto prima che sia troppo tardi.

Commenti negativi: come ti comporti? Li blocchi, li pubblichi, li ignori, rispondi per le rime?
Mi piacciono i commenti critici o negativi. Non scrivo sul blog perché voglio che il mondo intero mi dia ragione o per sapere di essere sempre dalla parte del giusto. Io scrivo come la penso, poi ognuno è libero di dire la sua. La critica mi porta sempre a rimettere in discussione le mie idee e mi aiuta a crescere. Mi piace il confronto con chi non la pensa come me (e la prima, su certi argomenti etici, è mia moglie). I post dove ho ricevuto più critiche sono quelli “sensibili” e d’attualità. Forse sulle famiglie omogenitoriali e sull’evoluzione della famiglia la penso in modo diverso rispetto alle opinioni che leggo in giro sugli altri blog. Ma io resto convinto nell’esprimere le mie idee, sempre nel rispetto di chi non la pensa come me.

Per finire, dai alle nostre lettrici 3 buoni motivi per leggerti
Bè, perché sono bello, sono simpatico e sono intelligente! (oltre che modesto). 🙂 Di solito sono capace di portare acqua al mio mulino a livelli insostenibili, quindi non mi sembra il caso (forse l’ho già fatto anche troppo nelle domande di prima). Quindi leggetemi solo se non avete altro di meglio da fare. 😉

BLOG: http://www.vitadapapa.it
FACEBOOK: https://www.facebook.com/vitadapapa
TWITTER: https://twitter.com/VitadaPapa
INSTAGRAM: http://instagram.com/vdp_fede
GOOGLE+: https://plus.google.com/u/0/114604128880747823793/about