Perineo: ecco come prepararlo al parto

perineoLa maggior parte delle donne, durante la gravidanza, si occupa principalmente del pancione, grazie al passaparola ormai sono tantissime le mamme che usano regolarmente il popolarissimo olio di mandorla, ma anche altri prodotti cosmetici come il burro di karité, l’olio di germe di grano, o una buona crema idratante, o specifica, allo scopo di prevenire le smagliature.

Ma non bisogna dimenticare che esiste una parte del corpo che va preparata molto bene in vista dello sforzo del parto: il perineo.

Si tratta di una spessa e forte membrana, molto elastica, situata proprio al centro del nostro corpo; si occupa dell’equilibrio e del sostegno degli organi interni che ospita: uretra, vagina, utero e retto (ano/intestino).

Data la sua rilevanza, soprattutto in vista del parto, è importante prestare la giusta cura anche a questa parte del corpo. Se una smagliatura è prevenibile con un massaggio, un prolasso o un’incontinenza sono facilmente evitabili grazie alla ginnastica perineale.

Oltre a questi importantissimi esercizi, può avere una buona azione coadiuvante provvedere a massaggiare l’area perineale con un olio specifico.


Il consiglio di ostetriche e farmacisti è di cominciare ad applicare questo prodotto dalla 33° settimana sull’area di pelle che collega l’ano alla vagina, continuando a massaggiare per circa 5-10 minuti, almeno 3 volte a settimana.

Questo prodotto ha lo scopo di migliorare l’elasticità del tessuto perineale, e tramite il massaggio si otterrà il massimo effetto, riducendo quindi il rischio di lacerazioni e quindi di ricorso all’episiotomia.

Lo stesso prodotto può essere usato anche dopo il parto, portando ad un più veloce recupero del tessuto.

Questo prodotto specifico è acquistabile in molte erboristerie, farmacie e negozi di prodotti naturali, e non è altro che un olio misto di mandorla e germe di grano, arricchito da tocoferolo e oli essenziali specifici che favoriscono la fortificazione e la rigenerazione del tessuto quali Salvia e Rosa Centifolia.

Proprio per la presenza di questi due oli essenziali (ecco come usarli in gravidanza), è un prodotto assolutamente controindicato in caso di doglie precoci, dato che questi specifici oli essenziali favoriscono le contrazioni.

In questo caso, è possibile preparare in casa questo semplicissimo prodotto, mischiando olio di mandorla e olio di germe di grano, e una piccola percentuale di tocoferolo (fino ad un 5%), omettendo quindi gli oli essenziali.

Entrambi gli oli sono facilmente reperibili negli scaffali dei supermercati dedicati alla cosmesi, mentre il tocoferolo è acquistabile in molte farmacie. A tale scopo va ugualmente bene anche il tocoferil acetato (in vendita anche come olio vea – ecco dove trovarlo a metà prezzo).

Invece, è assolutamente sconsigliato preparare il prodotto completo di oli essenziali senza possedere la giusta preparazione in scienze erboristiche; un dosaggio sbagliato potrebbe risultare inutile nel migliore dei casi, ma dannoso nel peggiore, inducendo il travaglio prima del tempo.