Partorire in casa gratis: il nuovo servizio offerto dalla ASL Rm

parto-en-casa_mundoevaVolete provare l’intensa esperienza del parto in casa? Grazie alla Asl Rm E è possibile se abitate in uno dei quattro distretti di  competenza.

Per farlo basta informare il proprio distretto entro la trentaduesima settimana di gestazione, presentando il modulo della richiesta informata, il proprio certificato di salute rilasciato dal medico, la dichiarazione di idoneità al parto domiciliare e presa in carico con cui l’ostetrica di fiducia si assume la responsabilità assistenziale e infine la autocertificazione-modalità assistenziali che attesti il rispetto delle condizioni di sicurezza previste, compresa l’indicazione del pediatra di riferimento per la prima visita del neonato.

Una volta presentata la domanda, il Distretto competente consegna a chi fa richiesta il fac-simile di autocertificazione, dovrà essere compilata dall’ostetrica di fiducia e quindi consegnata al Distretto per il certificato di “Presa d’atto”. Questo certificato, verrà consegnato alla partoriente entro la trentacinquesima settimana.

Per info:

–      Distretto 17: Punto unico di accesso (PUA) di Lungotevere della Vittoria 3, telefono 06.68353171, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 11.30 e i pomeriggi di lunedì e giovedì dalle ore 14.30 alle ore 17.00;

–      Distretto 18: Punto unico di accesso (PUA) di Via Adriano I 2, presso il Segretariato sociale dell’ex Municipio XVIII, telefono 06.6626833, il martedì e il giovedì dalle 9.00 alle 17.00;

–      Distretto 19: Punto unico di accesso (PUA) di Piazza S. Maria della Pietà 5 (Padiglione 13), telefono 06.68352979, dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.30, il giovedì pomeriggio dalle 14.00 alle16.30;

–      Distretto 20: segreteria (IV piano) in Viale Tor di Quinto 33/A, telefono 06.68353564, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30.

Presso queste strutture è possibile ritirare la modulistica, disponibile anche on line a questi link: richiesta informata assistenza domiciliare al parto, dichiarazione di idoneità al parto domiciliare, autocertificazione modalità assistenziali. Qualora si fosse impossibilitati alla consegna dei documenti, è possibile delegare terzi presentando l’apposito documento insieme alla copia del documento di identità del delegante e al documento di identità del delegato.

Fonte: bussolasanita.it