Pannolini usa e getta ecologici, l’alternativa green

nappy_mountain_clean

Se il pannolino lavabile è certamente la soluzione più ecologica (LEGGI QUI) , molte di voi potrebbero pensare che non sia esattamente praticissimo e anche se basta poco per impratichirsi, una buona alternativa c’è: i pannolini usa e getta ecologici. Vediamo insieme vantaggi e svantaggi di questi pannolini

PRO

Perchè un pannolino viene detto ecologico? I pannolini di questo tipo sono compostabili e biodegrabili, quindi si degradano facilmente, un po’ come i rifiuti che buttiamo nell’umido, e infatti i pannolini compostabili possono essere buttati nell’umido (togliendo le ali di chiusura)! Non vi fate trarre in inganno da questo aspetto, però, per quanto possiate metterli nell’umido, non metteteli nei composter domestici, perchè questi ultimi non raggiungono le soglie termiche tali da distruggere i batteri delle feci e quindi è sconsigliato farlo.

Non è finita qui. Vi abbiamo già parlato delle sostanze usate per produrre i pannolini tradizionali (SAP, cloro per sbiancarli ecc, per più info LEGGI QUI) e delle possibili dermatiti che potrebbero causare, ma dobbiamo ammettere che una parte di gel superssorbente è necessario per ridurre lo spessore del pannolino ed evitare problemi di traspirazione; le aziende eco-frindly, però, cercano di limitare al massimo l’uso di sostanze derivate dal petrolio, sostituendole con alternative naturali, come la bioplastica (avete presente il Mater B?), il PLA, ovvero polimeri ricavati da zuccheri estratti dal mais, totalmente compostabili e biodegrabili, ma anche cotone biologico, polimeri naturali, polpe di cellulosa provenienti da foreste certificate coltivate , pochi o nessuno additivi sintetici e amidi vegetali, come il mais.

CONTRO

Come spesso accade per i prodotti naturali e riciclati, la tenuta è un po’ inferiore rispetto ai tradizionali usa e getta, e forse sarà necessario munirsi di qualche pannolino di scorta per evitare macchie e problemi, ma di sicuro tra tutte le marche in commercio troverete quella giusta per voi, e se il fenomeno si diffondesse ancora di più, come ci auguriamo, siamo sicure che questo tipo di problema tenderebbe a risolversi.

Il costo degli ecologici non è molto diverso da quello dei tradizionali, anche se a volte costano qualcosa in più, ma quando decidete di mangiare biologico, per esempio le uova, vi aspettate di spendere meno rispetto a quelle prodotte in batteria?

Vi state chiedendo come trovarli?

La maggior parte delle aziende che producono questi pannolini effettuano vendite online, per cui potrete ordinarli direttamente e comodamente da casa, aspetto non poco rilevante per mamme e papà che dovendo accudire i propri cuccioli, magari hanno meno tempo per andare a fare la spesa… Come per i lavabili, vi consigliamo di cercare i pannolini ecologici in supermercati e negozi dedicati al bio, come Natura sì ad esempio, ma se siete avvezze all’acquisto online, allora potrete trovare moltissimi marchi che trattano questo prodotto: da nord a sud Europa troviamo le aziende svedesi SCA, con i pannolini Libero, acquistabili direttamente sul sito di Tena che li distribuisce, e Naty by Natura Babycare, che si trovano tranquillamente negli Auchan; scendendo in Germania troviamo i Wiona, disponibili su Bioallegra e Bebemio, i BabyCharm Natural e i Moltex , da Natura sì e Bimbo Store, prodotti da Ontex o i Delora prodotti da Riboth Ltd; dalla Danimarca arrivano i Bambo Nature, di Abena e dall’Inghilterra i Beaming Baby,(a questo link trovate già una bella offerta), la Francia propone Biobabby e la Svizzera i Pingo, distribuiti da Bimbotta. Vi state chiedendo se c’è anche l’Italia? Certo che sì! Bebè Nature è 100% made in Italy e si trova anche in farmacia, o negli store online Bimboside, e anche Vivicot Baby Bio della Sanicot è italianissima e si può trovare da Esselunga, Coop e Panorama.

Se a Dustin Hoffman ne “Il laureato” dicevano “Il futuro è plastica”, noi possiamo dire che di sicuro la plastica la fa da padrone, ma ci stiamo attrezzando per ridurla!

Elena Pollastro