Idromassaggio in gravidanza: si può fare?

idromassaggio-in-gravidanza Idromassaggio in gravidanza: fa male? Sempre più spesso si sente dire in giro che durante la gravidanza bisogna rinunciare ai trattamenti benessere per il corpo, ma quello che vale per alcune pratiche non è altrettanto vero per altre, perlomeno se non sono presenti complicanze.

Idromassaggio in gravidanza: perché no?

Una delle pratiche per il benessere che può rivelarsi un vero toccasana per una donna in stato interessante è quella dell’idromassaggio, che se viene fatto nel modo giusto può apportare diversi benefici anche al futuro nascituro.

Tra i principali benefici di una seduta di idromassaggio in gravidanza, come possiamo leggere anche in questo articolo pubblicato qualche tempo fa su Marie Claire.it, ci sono la tonificazione della pelle, la diminuzione della sensazione di gonfiore e della tensione muscolare, ed una sensazione di benessere che libera la mente dai pensieri ed aiuta ad eliminare lo stress accumulato.

Se andiamo a leggere tra le righe, ci rendiamo conto come i benefici dell’idromassaggio siano proprio quelli che ricerca una donna durante la gravidanza, e che si possono avere solo se si seguono determinate regole, per la maggior parte dettate dal buon senso.

Idromassaggio in gravidanza: le regole da seguire

  • chiedere al proprio ginecologo se sono presenti delle controindicazioni particolari (la maggior parte dei ginecologi sconsiglia l’idromassaggio nei primi tre mesi di gestazione, oppure in presenza di problematiche molto serie);
  • la classica sensazione di gonfiore agli arti inferiori che si percepisce durante la gravidanza è dovuta di solito a problemi di circolazione del sangue. Il modo migliore per riattivare la circolazione e quindi combattere il gonfiore, è quello di dirigere il getto dell’idromassaggio sotto la pianta dei piedi, cosa possibile solo con gli apparati nei quali si possono direzionare le bocchette a piacimento, come ad esempio i modelli di apparati per il benessere in vendita su minipiscina.net;
  • evitare di dirigere la bocchetta per il getto dell’idromassaggio sul ventre, mentre può essere utile per alleviare i dolori alla schiena dirigerla a livello lombare;
  • stare sempre ben attente che la temperatura dell’acqua non sia troppo differente da quella del nostro corpo;
  • non stare in vasca più di 20 minuti;
  • fare in modo che la pressione del getto idromassaggio non sia mai talmente forte da causare una rottura dei vasi capillari.

In assenza di patologie gravi, e seguendo tutte le regole necessarie, l’idromassaggio può essere il compagno ideale per la gravidanza, un alleato per il benessere che farà scorrere i nove mesi nel più completo relax.