Gravidanza: rischi e danni causati dalla sigaretta

Smoking beautiful young girl

Da molti anni a questa parte è possibile vedere come le donne incinta facciano uso delle sigarette nonostante sia ben noto che fumare in gravidanza non è salutare ne per la mamma ne per il bebè. Ci si interroga dunque su quanto possa fare male l’assunzione di nicotina durante la gravidanza dato che, soprattutto i fumatori, sanno quanto sia complicato riuscire a smettere di fumare da un giorno all’altro e in un momento tanto delicato quanto difficile come quando si aspetta un bambino.

Le sostanze presenti all’interno delle sigarette e cioè il carbone, la nicotina e il monossido di carbonio sono ovviamente dannose per il feto che durante i nove mesi cresce pian piano prendendo forma: l’assunzione di nicotina provoca a chi fuma il restringimento dei vasi sanguigni e di conseguenza il bambino riceve meno ossigeno, non bastasse anche il monossido di carbonio fa diminuire la quantità di ossigeno che arriva al feto e quindi vi è il pericolo che ci sia la mancanza della giusta quantità di ossigeno e di sostanze importanti per la corretta crescita.

Ma il fumo in gravidanza non fa male solamente al bambino in quanto anche le future mamme sono sottoposte ad alto rischio: le sigarette infatti potrebbero portarvi ad avere una gravidanza ectopica, che può portare alla morte sia del feto che della madre, può inoltre portarvi ad avere sanguinamento vaginale, a partorire prima del termine, ed infine a partorire un figlio con un basso peso corporeo.

Tutti problemi che si possono benissimo evitare semplicemente evitando di fumare: per tutte le donne in gravidanza che non sono ancora riuscite a smettere di fumare il consiglio è quello di consultare il medico che vi saprà sicuramente aiutare a trovare il metodo giusto per aiutare sia voi che il vostro bambino a crescere sano in questi nove mesi