Fascia e marsupio: benefici e vantaggi per la salute del bebè

copertina08_1Negli ultimi anni, i genitori italiani hanno scoperto nuovamente l’abitudine d’instaurare con il proprio bambino un stretto contatto trasportandolo tra le braccia anche quando si va in giro per la città. Nella cultura occidentale, infatti, si stava diffondendo l’abitudine di allontanare la mamma dal bambino scegliendo come unico mezzo di trasporto il passeggino.

Una scelta, quest’ultima, che potrebbe avere conseguenze anche sulla salute del piccolo. Nelle culture non occidentali dove si usa “portare il bambino addosso”, il disturbo del sonno e i comportamenti ansiosi sono, infatti, molto meno frequenti di quanto non siano in occidente. Portare il neonato nel marsupio inoltre stimola il suo sistema gastrointestinale, rallenta il battito cardiaco (il neonato si calma perché sente il battito del cuore del genitore) e favorisce funzioni respiratorie più efficaci, diminuendo le congestioni..

Considerati i benefici immediati, la fascia e il marsupio possono essere usati sin dalla nascita. Basta avere l’accortezza di scegliere un modello adatto e di offrire un ulteriore sostegno con le mani, questo almeno per il marsupio. La fascia, invece, è molto più avvolgente e sta riscuotendo molto successo nonostante sia sul mercato da poco tempo. A differenza del marsupio che dopo i 4-5 mesi del bambino comincia ad essere scomodo, la fascia, invece, può essere usata anche dopo e per l’intimo legame che riesce a mantenere tra la madre e il bambino è forse il mezzo migliore di trasporto.

Anche i bambini prematuri possono essere trasportati con la fascia o con il marsupio. In commercio, infatti, ci sono delle misure ad hoc e, dando un buon sostegno con le mani dell’adulto, non ci sono rischi. Mentre è sconsigliato girare il bambino pretermine verso l’esterno.