Educazione stradale a misura di bambino

Educazione stradale per bambini al parco di Druogno in Valle VigezzoSono in vacanza in Valle Vigezzo e a Druogno, uno dei paesi della valle, mi sono imbattuta in un Parco di educazione stradale. Non ne avevo ancora visto uno e quando ci sono capitata di fronte, ho subito pensato che avrei voluto tornare bambina per poterci andare a giocare.

In un parco di educazione stradale s’impara ad avere familiarità con i segnali stradali, i cartelli, la segnaletica a terra, insomma, tutto quello che quando siamo in macchina ci aiuta ad evitare brutte situazioni.

Mi è capitato spesso di vedere bimbi seduti sul seggiolino che imitavano i genitori alla guida con finti volanti; più crescono e più li si vede provare il triciclo, poi la bicicletta, magari le macchinine elettriche, in poche parole, è un dato di fatto che l’elemento strada è una costante anche nelle vite dei più piccoli.

Perché allora non iniziare fin da subito a fargli prendere familiarità con questo elemento? Sappiamo benissimo che la strada può diventare pericolosa e conoscerne le regole è utile sia a chi va a piedi, sia a chi guida.

I bambini non guidano? Non è vero! La bicicletta è un mezzo a tutti gli effetti e percorre le stesse strade percorse dalle auto, sapere fin da piccoli cosa significa uno stop, un dare precedenza, come si usano le rotonde e le strisce pedonali, mi sembra davvero una bellissima esperienza.

Noi adulti dobbiamo superare un esame per avere la patente e molti vivono le lezioni come qualcosa di noioso, tanto che poi a dieci anni dall’esame, quanti di voi si ricordano tutto?

Imparare l’educazione stradale giocando!

Il parco di educazione stradale che ho visitato io è a Druogno, in Piemonte, nello specifico in Valle Vigezzo, ma anche nel resto d’Italia si trovano parchi a Roma, Napoli, Mantova, Pavullo, Albino e in Emilia Romagna. Quello di Druogno mi sembra perfetto perchè la zona della Valle Vigezzo è particolarmente adatta ai bambini e quindi tra le attività da fare, questa mi sembra molto interessante.

Per un bambino un parco di educazione stradale è vissuto come un gioco e vedendo i piccoli che ci giocavano, credo piaccia anche perchè è un gioco che li fa sentire grandi!

Guidano su una strada, da soli, cosa può esserci di più divertente?

Anche dire piccoli non è proprio esatto, in effetti, perchè ci sono due programmi a seconda della fascia d’età, il primo è per i bambini dai 6 ai 9 anni, il secondo è per i ragazzi dai 10 ai 13, un po’ per tutti i gusti!

Ovviamente quando dico “da soli” non intendo lasciati a se stessi, perchè ovviamente se non ci fosse un adulto a spiegare e a seguirli, come potrebbero imparare?

Un formatore accoglie i ragazzi e inizia a spiegare loro le regole base, anche grazie all’uso di alcuni cartoni ad hoc, poi si fa un quiz di verifica e poi si passa alla fase pratica.

Per maggiori informazioni sul parco potete visitare www.vallevigezzo.eu per capire la zona in cui è inserito il parco e www.parcoeducazionestradale.it per avere informazioni su come visitare il parco!

Buon divertimento!

Elena Pollastro