Bonus Mamma Domani: il modulo per chiedere 800 euro all’INPS dal 4 maggio

Bonus Mamma Domani: se ne parla da mesi ormai, ma chiedendo all’INPS le future mamme continuavano a essere rimbalzate con la “scusa” che i moduli per chiedere i famosi 800 euro del Premio Natalità non erano ancora disponibili.

Oggi però cambia tutto. È proprio l’INPS ad annunciarlo con una circolare ufficiale: “Dal 4 maggio sarà possibile presentare domanda per il bonus mamma domani per tutte le donne al 7° mese di gravidanza o che abbiano partorito nel 2017“.

Bonus Mamma Domani: in cosa consiste?

Ma andiamo con ordine. Cos’è il Bonus Mamma Domani? Ecco cosa dispone l’articolo 1 comma 353 della legge 11 dicembre 2016 n.232:

A decorrere dal 1º gennaio 2017 è riconosciuto un premio alla nascita o all’adozione di minore dell’importo di 800 euro. Il premio, che non concorre alla formazione del reddito complessivo di cui all’articolo 8 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, è corrisposto dall’INPS in unica soluzione, su domanda della futura madre, al compimento del settimo mese di gravidanza o all’atto dell’adozione”.

Si tratta quindi di un bonus di 800 euro per le mamme del 2017 che, una volta tanto, non dipende dal reddito e viene erogato in un’unica soluzione. Una bella novità e un valido aiuto, soprattutto se richiesto appena possibile (una volta compiuto il settimo mese di gravidanza – usa il nostro calcolatore se hai dubbi), perché può essere utilizzato per acquistare tutto il necessario per l’arrivo del bebè, dal trio al corredino, dai pannolini al fasciatoio.

Bonus Mamma Domani: il modulo

bonus mamma domani modulo computerNel modulo per richiedere il Bonus Mamma Domani bisognerà specificare l’evento per il quale si richiede il beneficio e precisamente:

  • compimento del 7° mese di gravidanza (inizio dell’8° mese di gravidanza);
  • nascita (anche se antecedente all’inizio dell’8° mese di gravidanza);
  • adozione del minore, nazionale o internazionale, disposta con sentenza divenuta definitiva ai sensi della legge n. 184/1983;
  • affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza ai sensi dell’art. 22, comma 6, della legge 184/1983 o affidamento preadottivo internazionale ai sensi dell’art. 34 della legge 184/1983.

Ma attenzione. Non esiste un modulo cartaceo: l’invio deve essere fatto solo per via telematica. Avete tre scelte possibili:

  • WEB – Potete utilizzare i servizi telematici del sito dell’INPS, accessibili solo se siete dotate del PIN dispositivo. Ecco il percorso esatto da fare: www.inps.it >Servizi on line> servizi per il cittadino> autenticazione con il PIN dispositivo> domanda di prestazioni a sostegno del reddito> premio alla nascita;
  • Contact Center Integrato – Chiamate il numero verde 803.164, gratuito da rete fissa. Se chiamate da cellulare dovete invece digitare lo 06 164.164, ma in questo caso dovrete pagare la telefonata;
  • Enti di Patronato attraverso i servizi offerti dagli stessi.

Come certificare la gravidanza per ottenere il Bonus Mamma Domani?

Per certificare il vostro stato di gravidanza avete quattro alternative:

  1. presentare il certificato di gravidanza in originale o in copia autentica direttamente allo sportello oppure spedita a mezzo raccomandata in busta chiusa con sopra riportato il numero di protocollo e la dicitura “Documentazione domanda di Premio alla Nascita – certificazione medico sanitaria”;
  2. indicare il numero del protocollo telematico del certificato rilasciato dal medico SSN o medico convenzionato ASL;
  3. indicare che il certificato è stato già trasmesso all’Inps per domanda relativa ad altra prestazione connessa alla stessa gravidanza;
  4. esclusivamente per le future madri non lavoratrici, in alternativa al certificato  di gravidanza è possibile indicare il numero identificativo a 15 cifre di una prescrizione medica emessa da un medico del SSN con indicazione del codice esenzione compreso tra M31 e M42 incluso.

Se avete subìto un’interruzione di gravidanza dopo il compimento del settimo mese avete comunque diritto a richiedere il Bonus Mamma Domani: in questo caso dovete aggiungere alla domanda la certificazione che comprovi l’avvenuto aborto.

Hai già partorito? Puoi avere il Bonus Mamma Domani lo stesso!

Hai atteso con ansia il tuo Buons Mamma Domani ma nel frattempo hai partorito? Nessun problema: se il parto è avvenuto nel 2017 hai diritto comunque a 800 euro per ciascun bambino nato (già perché in caso di gemelli il bonus raddoppia). Ti basterà autocertificare nella domanda il Codice Fiscale del bambino.

Come viene erogato il Bonus Mamma Domani

L’erogazione degli 800 euro avverrà in un’unica soluzione tramite bonifico domiciliato, accredito su conto corrente bancario o postale, libretto postale o carta prepagata con IBAN. L’importante è che il mezzo di pagamento prescelto sia intestato alla mamma richiedente.

Sul sito dell’INPS la circolare completa.